Showreel Attori Attrici

ciakGli attori e le attrici alle prime armi spesso si sentono chiedere da un agenzia a cui si propongono o da un addetto ai lavori al quale chiedono aiuto “mi mandi le tuo foto e il tuo showreel? “.

Una persona che fa o vuole fare l’attore le foto generalmente le ha, ma alla parola “showreel” molti vanno in confusione.  Spieghiamo con precisione e con parole semplici cos’è e a cosa serve uno showreel nel 2014.

Uno showreel è un filmato con una sequenza di scene in cui l’attore/attrice recita. Queste vengono montate in maniera tale da elevare le potenzialità ed il talento dell’attore. Ogni scena ci mostra una parte, quindi un colore espressivo, di quell’attore. Più scene funzionanti abbiamo a disposizione più il ritmo e l’effetto del reel sarà efficace.  Una musica di accompagnamento, didascalie, foto ed effetti grafici renderanno lo showreel sicuramente più godibile alla visione.video-camera-interview-tips

Quindi la prima cosa da fare è raccogliere più materiale video possibile per poter scegliere il meglio. Un attore con un minimo di storico in genere assembla le scene prese dai film, le fiction o la pubblicità che nella sua breve o lunga carriera ha girato.

Un attore alle prime armi, che non ha girato nulla per poter produrre uno showreel, giustamente si domanderà cosa inserire. E qui nascono i primi dubbi e le scelte da fare. Escono fuori le recite amatoriali fatte a scuola e riprese da lontano con un telefonino, un corto girato da un amico in cui si ha una mezza battuta che è venuta anche male, una sequenza di foto “deboli”, un film in cui magari hai fatto la comparsa o una figurazione speciale e si fa fatica a capire chi sei, e così via….. Ecco questo è il primo errore che si può fare per partire male con la presentazione e la vendita di se stessi.

montaggioPrima di presentarsi a qualsiasi agenzia o addetto ai lavori producete del materiale buono che valorizzi la vostra capacità espressiva. Le agenzie scelgono nuovi attori sulla base di punti fermi fra i quali una buona impressione dal materiale che ricevono. Un buono showreel può indurre l’interlocutore ad interessarsi a voi.

Ecco di seguito alcuni buoni consigli per prodursi da soli uno showreel senza avere materiale da montare.

Scrivete quello che secondo voi deve essere il “film” che meglio vi rappresenta. Non improvvisate ma cercate di mettere in scena episodi in cui siete funzionali. Scegliete quello in cui rendete di più e quello che a detta anche dei vostri amici o dei vostri insegnanti sono i vostri pezzi migliori. Un monologo, una gag divertente, movimenti che valorizzino la vostra fisicità, una finta pubblicità in cui sarete convincenti e così via.

Se ne avete la possibilità, affidatevi ad un professionista per gli aspetti tecnici come riprese, luci, audio, montaggio, grafica e musica. Se non ve lo potete permettere la tecnologia di oggi, se ben usata, ci permette di fare un buon reel anche con un telefonino. La parte tecnica è sicuramente importante ma ciò che più conterà è il vostro talento e la vostra bravura nelle esecuzioni.iphone-6

Video_editing_software_guide_best_consumer_tools_size485_eNon sbagliate i tempi. Un reel troppo lungo stanca e può produrre un effetto negativo. Il giusto tempo deve essere compreso fra 1’15” e 3’00”. Non pensate più ai vecchi DVD oggi è più pratico caricare il proprio showreel sulla rete per veicolarlo più velocemente

Ora di seguito qualche esempio pratico per vedere le differenze delle varie tipologie degli showreel

 

 

www.youtube.com/watch?v=sI9eX7Tl7U0   www.youtube.com/watch?v=2BTmXbWOzWU Questi sono classici Showreel di un attore inglese ed uno Italiano mediamente popolari. Un insieme di scene in cui hanno lavorato. Semplici e ben fatti. 3’30”

www.youtube.com/watch?v=aR3TDl1fWk0 Questo invece è un modo moderno di vendersi. Uno showreel fatto usando del buon materiale girato ma introdotto dall’attore stesso a mo’ di conduttore. Presenta se stesso mostrando quindi delle ottime doti di performer e conduttore. Ironico, convincente e funzionale. La durata è eccessiva ma lui la rende scorrevole.

www.youtube.com/watch?v=KmOGDL2ITgo Questo è un reel di un attrice Italiana che io definisco emotional, ossia l’attrice la vediamo in tante scene girate ma non sentiamo mai la sua voce perché si è scelto di far parlare la musica sulle sue immagini.

www.youtube.com/watch?v=etBit4hxdPU Questo reel di un attrice Italiana è un mix fra un emotional ed un classico. Per i primi tre minuti solo immagini e musica e poi un minuto di scene con voce.

www.youtube.com/watch?v=YNLHs2RUzno Questo invece è un reel che mette in primo piano l’aspetto estetico di questa giovane attrice Italiana. La prima frase parlata la sentiamo ad 1’40” dopo averla vista in tutta la sua bellezza. Questa può essere una scelta sensata se non si è ancora dei fenomeni attoriali e si vuole fare leva sul talento “estetico”

http://www.youtube.com/watch?v=9OVcM3ql2xc la stessa attrice del precedente reel qui ci mostra come sia possibile girare una scena funzionale in casa e con un telefonino. Unica scena da un minuto a camera fissa e audio in diretta. Questi reel mettono al centro solo la recitazione senza “colorare” con montaggi di effetto o scene e luci che aiutano la visione. Utili per bravi attori/attrici

www.youtube.com/watch?v=3sb1Zd_GyIs Chiudiamo con un esempio concreto di produzione ex novo di showreel. Questa ragazza mette in scena tre monologhi di fine corso di recitazione che in montaggio diventano 1’30” di presentazione molto funzionale. Sicuramente la tipologia di ripresa ed il montaggio dinamico aiutano il rendimento

Lascia un Commento